Come bere e apprezzare il vino rosso in estate

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Chi l’ha detto che durante la stagione estiva, anche nel periodo più caldo dell’anno, non si possa godere i vini rossi come il nostro Sangiovese? 

Certo, un vino bianco o uno spumante serviti freschi sono la scelta più indicata, ma  un calice di vino rosso è ideale per accompagnare un piatto strutturato, come ad esempio la grigliata di carne o il barbecue che d’estate sono molto frequenti.

La giusta temperatura di servizio del vino rosso

Il segreto è  semplice: dobbiamo servire il vino alla temperatura giusta, quindi non ai 30 gradi di una giornata estiva ma a circa 18-20 °C

Cerchiamo di capire perché un vino rosso  è molto più gradevole a 18°C.

Nella degustazione del vino sono diverse le componenti che interagiscono nel nostro palato e contribuiscono all’equilibrio del vino nella nostra bocca: gli acidi presenti nel vino, l’alcool, i sali minerali, la glicerina, le proteine e, nel caso dei vini rossi, il tannino. Le sensazioni che proviamo però variano con la temperatura di ciò mangiamo o beviamo proprio per via delle interazioni chimiche che queste componenti hanno con le nostre papille gustative e olfattive.

 

Come raffreddare una bottiglia di vino rosso

La soluzione migliore sarebbe disporre di una cantinetta frigo a temperatura controllata di 18°C, ma anche lasciare nel frigorifero per un’ora il vino è sufficiente per raggiungere la temperatura corretta.
Ora che abbiamo capito l’importanza di servire il vino alla giusta temperatura, cerchiamo di capire come possiamo fare ad ottenere questi 18°C.

Se dobbiamo raffreddare il vino ancora più velocemente, è sufficiente metterla per 5 o 10 minuti nel cestello del ghiaccio, che solitamente si usa per mantenere la temperatura dei vini bianchi. L’acqua fredda riesce a raffreddare più velocemente la bottiglia di quanto può fare l’aria fredda del frigorifero, permettendoci di raggiungere in poco tempo la temperatura ideale.

.

A questo punto mi posso degustare un bel calice di Sangiovese alla giusta temperatura anche in piena estate!

Maria Liana Stiavelli
Maria Liana Stiavelli

@stiavelli •  Altri post di Liana

Nel 2005 Liana Stiavelli, sommelier professionista, figlia della signora Fossi e suo marito Luca Del Bo, hanno deciso di ridare vita al Paluffo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.